«Africa, oriente ed est sono le nuove frontiere»

«MI AUGURO che le società e le imprese romagnole acquisiscano la capacità di muoversi attraverso canali che siano maggiormente evolutivi e ricchi di potenzialità per partecipare alla competizione a un livello avanzato che permetta loro di massimizzare i volumi di risultato, abbandonando o almeno integrando sistemi che ormai sono obsoleti». È uno dei passi salienti dell’intervento di Lorenzo Bacciardi, 37 anni, avvocato dello studio legale Bacciardi & Partners di Pesaro, uno dei relatori del seminario che si è svolto venerdì nella sede di Unindustria, davanti a un folto pubblico di imprenditori interessati ad approfondire le opportunità sulle gare d’appalto internazionali.

Ricche di stimoli le prospettive emerse nella relazione di Bacciardi. «La nuova emissione di appalti riguarda nazioni molto vicine all’Italia — ha proseguito l’avvocato — come, ad esempio, le regioni magrebine, in particolare Algeria, Tunisia, Libia, Marocco ed Egitto, alcuni paesi arabi in espansione economica e in via di ricostruzione, come possono essere l’Iraq, gli Emirati Arabi Uniti e il Qatar, oltre alle nazioni che facevano parte della ex Urss».

GRANDI opportunità nel campo degli appalti sono offerte anche dal territorio brasiliano con ovvie maggiori complessità per le aziende italiane in considerazione della lontananza. Complessità che però potrebbero essere meglio affrontate, sempre secondo l’avvocato Bacciardi, con la modalità di partecipazione agli appalti sotto forma di associazione temporanea di imprese, oltreché attraverso rapporti di consorzio e di joint venture fra imprese e anche attraverso l’utilizzazione dei contratti di rete.
È proprio questo che si è prefisso il seminario di Forlì. Così ha concluso Bacciardi: «È fondamentale fornire la necessaria formazione alle imprese del territorio affinché possano partecipare efficacemente alle gare, ottenerne l’assegnazione, dargli esecuzione e organizzare correttamente la propria operatività estera nel rispetto delle norme contrattuali, fiscali e doganali internazionali».

Continua a leggere l’articolo dell’avv. Lorenzo Bacciardi LL.M. su Il Resto del Carlino 2/12/2012